Ci sono tempi che cammino nel miracolo e non riesco a vedere niente che non lo sia.

Allora, per non perdere la ragione a causa di questa felicità che mi invade e che potrebbe anche uccidermi, respiro, mi concentro.

Devo trovare un appiglio – mi dico – un fatto, un dato di realtà.

C’è un passeggero nel mio scompartimento, ha il cellulare in mano e ha cominciato ad ascoltare musica a palla.

Ha un’aquila a colori tatuata sull’avambraccio, al polso ha un braccialetto con le borchie.

Siamo a Ostuni. Viaggerà con noi tutta la notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.